fbpx
Connect with us

Cinema

Il sorpasso, ritratto sociologico del boom economico

Il film di Dino Risi come manifesto di un’Italia in piena corsa

Il sorpasso

È una questione di velocità. C’è un Paese intero che corre, un’Italia che si risveglia improvvisamente industrializzata, moderna, vitale. È un boom, è un vero e proprio miracolo economico; è, anche etimologicamente, una fase forse più casuale che cercata, più inseguita che determinata. E però, si corre. È tutta una questione di velocità. C’è una classe sociale in particolare, i figli di quella piccola borghesia scampata alla guerra ancora incrostati di ventennio ma col mito dell’America nel cuore.
È solo una questione di velocità. C’è un’Aurelia che sfreccia per le vie di una Roma deserta; imbocca un divieto, clacson a tutto spiano, infila una curva a velocità inaudita, si ferma di traverso sul marciapiede. È una questione di velocità, si deve correre. Non c’è tempo per rispettare i segnali stradali, non c’è voglia di rispettarli.

Non sono molti i film che hanno saputo raccontare, interpretare, anticipare, ciò che ha rappresentato il boom economico in Italia all’inizio degli anni ’60: Il boom di Vittorio De Sica del 1963 è sicuramente uno di questi, per certi versi lo è anche Il medico della mutua di Luigi Zampa del 1968 (sebbene arrivi in un Paese già saturo, il miracolo economico è già alle spalle, ci si proietta verso gli anni di piombo). Ma nessuno di questi riesce ad esprimere la forza espressiva, la lucidità sociologica de Il sorpasso. Metafora e simbolo di una Italia, di quell’Italia, Il sorpasso assurge ad archetipo interpretativo un atto, il sorpassare, che racchiude pienamente nella sua essenza tutti i crismi di quel periodo: la velocità, l’ascesa, il sopravanzamento quando non la pura sopraffazione, l’euforia, l’irresponsabilità, il tutto condensato in quel gesto, le corna.

Jean-Louis Trintignant e Vittorio Gassman in una scena tratta da Il sorpasso
Jean-Louis Trintignant e Vittorio Gassman in una scena tratta da Il sorpasso

In questo senso Bruno Cortona è la maschera perfetta e Vittorio Gassman l’attore più adatto per indossarla, ancora più di Alberto Sordi, sebbene il personaggio fosse stato inizialmente per lui pensato; Gassman, a differenza di Sordi, essendo solo da pochi anni arrivato alla commedia (grazie a Monicelli che nel 1959 lo sceglie per I soliti ignoti), nel 1962 non era la personificazione dell’italiano medio cialtrone, cinico e vigliacco, cosa che gli ha consentito di lavorare alla costruzione di un personaggio più sfaccettato, più umano e per questo più credibile.

Bruno Cortona è sì un cialtrone che espone sul parabrezza il farlocco talloncino della Camera dei deputati, un irresponsabile, un euforico bambinone, ma è anche un uomo generoso, un uomo disponibile, consapevole di essere un pessimo padre e un pessimo marito, intimamente fragile e per questo pubblicamente sguaiato. Bruno Cortona è quella piccola borghesia in fermento, il suo è il tentativo di un’intera classe sociale di ascendere, di bere un sorso di quel calice chiamato benessere; da qui la velocità e il sorpasso, perché è una guerra di tutti contro tutti e solo chi prima arriva meglio alloggia.

In questo senso Dino Risi realizza un film perfetto. Porta lo spettatore un po’ all’interno dell’Aurelia, e un po’ lo lascia osservare la fisionomia e la fisiognomica dei protagonisti della corsa, quasi con sguardo sociologico, indagatore. C’è l’asfalto, la strada, retta e tortuosa, con le sue curve e i suoi pericoli. Ci sono le soste, obbligate, ristoratrici. Ci sono gli incontri causali, come con lo studente Roberto, o cercati. E c’è sopratutto l’aria, l’atmosfera di quegli anni, sembra di sentirsela addosso: viene fuori dagli oggetti, da quell’auto, dai telefoni a gettone, dal giradischi, dai Cinar ordinati al bar, dalla città deserta a ferragosto, da “Guarda come dondolo”, dall’Agip “cane a sei zampe amico fedele dell’omo a quattro rote”.

Jean-Louis Trintignant e Vittorio Gassman in una scena tratta da Il sorpasso

Dovresti studiare Diritto Spaziale! Se due astronavi si scontrano, chi è che paga? I terreni sulla Luna si possono lottizzare?”. Le parole folli e un po’ strampalate di Bruno, che sottendono anche un vago sapore di visionarietà sul futuro, per un attimo sembrano far vacillare le certezze dello studente Roberto. Lui, Roberto, col suo candore e la sua innocenza, con gli splendidi occhi tristi di Jean-Louis Trintignant, è uno spettatore inerme delle gesta di Bruno e del miracolo economico, non ne fa parte, non vuole farne parte, la sua è una corsa su una strada diversa. Su questa strada, quella di Bruno, è un passeggero, un ospite casuale, vi si aggira con circospezione e cautela, con timore e soggezione, ma non può che rimanerne affascinato e inebriarsi anche lui di quella euforia che in quegli anni tutti contagiava.

E proprio al picco dell’euforia arriva la curva fatale, lo schianto, la fine. Quasi a voler parlare a un Paese in estasi e a un’intera classe sociale inebriata dal benessere, Risi pare non voler lasciare nulla di sospeso alla fine del proprio film, che proprio alla luce di quel finale assume i contorni di un invito a tenere i piedi per terra, a non perdere la testa. Un finale dal retrogusto moralisteggiante più che amaro, lo strano epilogo di un film che di moralistico, fin lì, non aveva avuto nulla.

Ti potrebbe interessare anche: Intrigo Internazionale: il cinema di Hitchcock allo stato puro

Lascia il tuo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Leggi anche...

Vittorio Gassman, l’attore poliedrico per eccellenza

Cinema

Paul Thomas Anderson Paul Thomas Anderson

I primi cinquant’anni di Paul Thomas Anderson

Cinema

Dark Dark

Perché Dark è una serie che andrebbe assolutamente recuperata

Serie Tv

Francesca Schiavone Francesca Schiavone

Francesca Schiavone, 40 anni da leonessa

Sport

Connect