fbpx
I nostri social
They Shall Not Grow Old

Cinema

They Shall Not Grow Old è il miglior documentario mai realizzato sulla Prima Guerra Mondiale

Arrivo uno dei massimi documentari mai realizzati sulla Grande Guerra, firmato dal maestro Peter Jackson grazie a un innovativo uso dell’archivio militare.

Tempo di lettura: 2 minuti

A quasi due mesi dall’uscita italiana di 1917, ritorna in sala la Grande Guerra con un magnifico documentario d’archivio firmato da Peter Jackson. Anche qui si narra dell’esercito di Sua Maestà, ma preso nella sua interezza e non rispetto a un unico soldato. La sfida che si disputa, qui, è quella di ripensare il documentario basato su repertorio, e non la ricerca virtuosistica di Mendes nei campi di battaglia francesi.

Non è la prima volta che vengono restaurati e ricolorati documenti filmati della Grande Guerra, come illustra Davide Banis nel suo splendido pezzo apparso su Link. In They Shall Not Grow Old Jackson tesse un arazzo vivo e vivido del conflitto, istoriato dalle commoventi voci dei sopravvissuti e da un’accuratissima scelta del materiale visivo. L’occasione è il centenario della fine del conflitto, con la volontà dell’istituto britannico Imperial War Museum 14-18 e della BBC di realizzare un documento di prestigio. Jackson accetta la sfida e, assieme al montatore Jabez Olssen, alza l’asticella del documentario bellico a vette drammaturgiche forse inaccessibili.

They Shall Not Grow Old

Si comincia con lo scoppio del conflitto, accolto dai giovani inglesi con incauto entusiasmo, non immaginando quanto orrore potesse procurare loro. Li seguiamo nell’addestramento, con aneddoti divertenti su dieta ed esercizi, come degli amici che vivono una scampagnata forzata. Tuttavia, viene sottolineato come non fossero pronti ad affrontare una guerra che per livello tecnologico e violenza non conosceva precedenti. La leggerezza, infatti, fa ben presto spazio alla dura realtà della guerra, una guerra combattuta a distanza, con gas, filo spinato e la minaccia dei cecchini. Jackson non risparmia nulla, componendo un caleidoscopio dettagliato della vita in trincea, dai topi e i pidocchi ai piedi sempre immersi nella melma ghiacciata. Lo spettatore vive integralmente quella che è stata la rovina di una generazione di giovani, che ha visto morire amici o patire ferite indicibili. Il tutto viene raccontato grazie a impressionanti sequenze d’epoca restaurate a regola d’arte, rendendo perfettamente sensazioni e sofferenze dei giovani soldati.

Le loro voci in voice over aderiscono perfettamente alle immagini, dando verità a ogni momento della cronaca del fronte. Naturalmente, non manca l’intento di suscitare disgusto verso una tragedia non necessaria, di certo con più forza che nel patinato ottovolante di Sam Mendes. In particolare, l’intento emerge nel presentare la cordiale solidarietà tra Inglesi e prigionieri tedeschi, quasi fossero cugini costretti a combattersi. I giovani caduti non dovranno certo invecchiare, soprattutto con opere come questa che li riportano letteralmente in vita per testimoniarci del loro ingiusto sacrificio. E’ bello poi ricordare come tra quei giovani gettati nella feroce mischia del fronte francese, ci fosse il giovane J.R.R. Tolkien, cui lo stesso Jackson risulta vagamente debitore…

Ti potrebbe interessare anche: Il gabinetto del Dottor Caligari compie 100 anni

Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Sostieni Ultima Razzia

Donazioni sidebar

Informazioni Personali

Totale Donazione: €100,00

Seguici su Facebook

Iscriviti al nostro canale Telegram

Telegram

Seguici su Instagram

Loading...

Iscriviti ad Amazon Prime Video

Leggi anche...

Lupin Lupin

Omar Sy è Lupin, promossa la serie sul ladro gentiluomo

Netflix

One Night in Miami One Night in Miami

One Night in Miami e l’attuale richiamo al black power

Amazon Prime Video

Netflix febbraio 2021 Netflix febbraio 2021

Le novità Netflix di febbraio 2021

Netflix

Miglior Attore Non Protagonista Oscar 2021 previsioni Miglior Attore Non Protagonista Oscar 2021 previsioni

I possibili candidati a Miglior Attore Non Protagonista agli Oscar 2021

Cinema

Connect