fbpx
I nostri social
Brendan Gleeson è Donald Trump in The Comey Rule

Recensioni

Sfida al Presidente – The Comey Rule è una sfida senza esclusione di colpi

In Sfida al Presidente – The Comey Rule va in scena lo scontro tra il direttore dell’FBI e il neoeletto presidente USA Trump in un’avvincente miniserie biopic.

Tempo di lettura: 3 minuti

Cosa fare quando sei il direttore dell’FBI e il tuo peggior nemico è il Presidente USA neoeletto? Sfida al presidente – The Comey Rule, la miniserie del network Showtime scritta e diretta da Billy Ray (sceneggiatore di Richard Jewell e Hunger Games), ricostruisce il mandato di James Comey al vertice del bureau. A impersonarlo un misuratissimo Jeff Daniels, che incarna un leader bonario e dall’integrità adamantina. É un ex avvocato di fede repubblicana, nominato a sorpresa da Obama (con il quale corre una stima reciproca) e da subito apprezzato tra i ranghi dell’intelligence. Tuttavia, le elezioni del 2016 segnano il declino di questa breve età augustea dell’FBI. Infatti, il bureau viene incaricato di indagare su un possibile illecito commesso dalla candidata democratica Hillary Clinton nel servirsi di server di posta privati per lo scambio di email altamente riservate.

L’indagine mette inevitabilmente in cattiva luce Jim, visto come complice involontario del discutibile candidato repubblicano Donald Trump (Brendan Gleeson, superbo). Al contempo viene condotta anche un’inchiesta sul legame inquietante tra la campagna repubblicana e i servizi segreti russi, pur senza giungere a incriminazioni. La vittoria di The Donald spedirà Comey in un calvario diplomatico e mediatico, collocandolo in una scomodissima posizione di mezzo tra difesa dei valori americani e la lealtà verso la Casa Bianca.

Brendan Gleeson e Jeff Daniels

Billy Ray in Sfida al presidente – The Comey Rule racconta in modo manicheo l’inizio dello scontro tra democratici e trumpiani (è particolarmente attenta la separazione tra i repubblicani tradizionali e quelli allineati con il nuovo presidente). Infatti, tra le altre cose, nella serie si vuole raccontare come questa nuova amministrazione repubblicana non sia assimilabile alle precedenti. Il “cerchio magico” di Trump è rappresentato come un nugolo di cicisbei asserviti ai capricci e alle manie del sovrano assolutista. Gleeson è fenomenale nell’esprimere gli infantilismi e la lucida perfidia di un presidente-imprenditore. Il suo Trump non è mai macchiettistico, ma anzi tocca note di fragilità verosimili; è un un leader carismatico e oppressivo, ma terrorizzato dal fatto che la sua famiglia possa vederne il vero volto.

Il contrappunto è dato dalla figura posata e calma di Jim, un servitore dello Stato attento a mantenere l’etichetta dei rapporti istituzionali.
Gleeson e Daniels offrono momenti di altissima recitazione, incarnando rispettivamente le due polarità umane dell’essere conservatore. Da una parte il vate del maschilismo tossico, dall’altra un uomo all’antica che vive a suo agio nel gineceo di moglie e figlie. Ray, tuttavia, scade quando deve attaccare direttamente il mostro Trump con riflessioni stucchevoli (sempre che l’intento non fosse quello di mostrare l’impreparazione dei suoi oppositori). Da codice penale, ad esempio, una scena di intimità tra funzionari FBI, dove lei (Oona Chaplin, Il Trono di Spade) si sfoga con il partner per l’imminente ascesa del biondo leader. The Comey Rule funziona perfettamente quando non scade negli abbondanti momenti di retorica spiccia che annacquano un lavoro di impegno civile ben fatto.

Jeff Daniels

A parte queste ingenuità, Ray eccelle nel raccontare la prassi delle inchieste dell’FBI. Non era semplice appassionare con indagini basate su telefonate, riunioni prolisse e lettura di email riservate. L’azione congiunta tra intelligence e dipartimento di giustizia è presentata in modo davvero chiaro, al punto da stimolare a riscoprire le vicende narrate nella miniserie.

Sfida al presidenteThe Comey Rule racconta bene il contesto di debolezza dialettica in cui è stato eletto Donald Trump e l’unico rimedio alla sua favella menzognera è “all’antica” come Jim: irradiare di qualità ogni momento della giornata, dal lavoro alla famiglia. Sicuramente Jim Comey ha letto e apprezzato Lo zen o l’arte della manutenzione della motocicletta di Robert Pirsig.

Ti potrebbe interessare anche: The Third Day, un allucinogeno panegirico sul misticismo

Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CELLULOIDE – Il Podcast di Ultima Razzia

Sostieni Ultima Razzia

Donazioni sidebar

Informazioni Personali

Totale Donazione: €100,00

Iscriviti al nostro canale Telegram

Telegram

Iscriviti ad Amazon Prime Video

Seguici su Instagram

Loading...

Seguici su Facebook

Ultimi articoli

Leggi anche...

SAG Awards 2021 SAG Awards 2021

SAG Awards 2021, tutti i vincitori

Cinema

Judas and the Black Messiah Judas and the Black Messiah

Judas and the Black Messiah, uno spaccato della disinfezione culturale degli anni ’60

Cinema

Un colpo fatto ad arte Un colpo fatto ad arte

Un colpo fatto ad arte: il mistero del furto all’Isabella Stewart Gardner Museum

Netflix

Connect