fbpx
Connect with us

Cinema

Il piano sequenza iniziale di Panama Papers di Steven Soderbergh nasconde piccoli dettagli interessanti

Il piano sequenza iniziale di Panama Papers, il film di Steven Soderbergh presentato a Venezia sullo scandalo delle società offshore

Gary Oldman e Antonio Banderas in Panama Papers

L’ultimo film di Steven Soderbergh, regista americano vincitore di un Oscar e famoso per i cast ricchissimi di alcuni suoi film, si occupa dello scandalo dei “Panama Papers”. Il film è disponibile su Netflix, che lo ha prodotto e presentato all’ultimo festival di Venezia. Volendo aprire il film “ad effetto”, Soderbergh piazza nella scena iniziale non solo la base di tutto il discorso che verrà fatto nel film, ma la costruisce con un piano sequenza.

Il film si apre con le voci fuori campo di Antonio Banderas e Gary Oldman che raccontano mentre si compone sullo schermo la banconota da un dollaro.

La dissolvenza inizia subito dopo che, un poco scenograficamente, viene pronunciata la parola “denaro”, tema principale del film. Con la dissolvenza, inizia anche il piano sequenza. Ci ritroviamo in un deserto – fintissimo: si capisce facilmente che siamo in uno studio – dove Banderas e Oldman passeggiano in smoking con in mano un bicchiere da drink mentre spiegano com’è nata la necessità del denaro. Si parte ovviamente dal baratto e Banderas per esemplificare parla di una “mucca”. Mentre loro passeggiano la macchina da presa li inquadra di fronte, quindi indietreggia e si muove lateralmente, passando dalla loro sinistra alla loro destra, in modo molto fluido.

Banderas e Oldman

Poi prende la parola Oldman e mentre continua a camminare aggira un (finto) cespuglio: a questo punto la macchina da presa si allontana e rivela nella scena un gruppo di uomini preistorici intenti ad accendere il fuoco: tutti hanno la fascia nera sugli occhi per garantirne la privacy. Oldman passa ad uno di questi una banconota da 100 dollari e lui, immediatamente, la mangia. Successivamente Banderas li aiuta, con un accendino ad accendere il fuoco.

A questo punto i due, sempre inquadrati frontalmente imboccano un tunnel che dalla preistoria li porta  alla modernità: scendono una scalinata e mentre continuano a spiegarci la storia del denaro, passando quindi al “credito” entrano, adesso di spalle, seguiti dalla macchina da presa, in un club. Poco dopo, la scena si conclude: Oldman afferma che tutti gli strumenti finanziari sono parole astratte, molto diverse da una “mucca”.

Banderas e Oldman

La scena, che è apparentemente solo un’introduzione divertente al tema del film nasconde diversi piccoli dettagli interessanti. Mentre si parla della nascita del denaro, Banderas aiuta gli uomini preistorici ad accendere il fuoco, che però poco dopo prende piede e diventa un incendio. Il paragone con il denaro è fin troppo semplice: nato come una cosa utile e semplice per favorire gli scambi si è tramutato in un disastro diffondendosi come un incendio e facendo danni. Gli uomini preistorici hanno la fascia nera sugli occhi a rappresentare come gli utilizzatori di denaro siano anonimi: nessuno sa chi siano e vengono manovrati dai potenti che sappiamo bene chi sono e quale volto hanno. Infine gli uomini preistorici sono una citazione di 2001: Odissea nello spazio solo che in questo caso, invece di avere l’osso lanciato verso l’alto che porta nel futuro abbiamo una discesa agli inferi verso il presente (in entrambi i casi c’è un’ellissi temporale). Il presente è un club pieno di persone, dalle luci soffuse, in cui tutti sono a volto scoperto ma creano una gran confusione di sottofondo, mentre i due narratori elencano tutti gli strumenti finanziari: “azioni, fondi, vendite allo scoperto, fondi di fondi…”: anche in questo caso, la metafora è fin troppo chiara.

Banderas e Oldman

Steven Soderbergh si conferma un regista di razza: introduce l’argomento del film in modo ironico ma preciso con un piano sequenza di certo non complicato ma accattivante e, non certo meno importante, con un certo stile.

Lascia il tuo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Leggi anche...

Jean Dujardin e Louis Garrell in L'ufficiale e la spia Jean Dujardin e Louis Garrell in L'ufficiale e la spia

L’ufficiale e la spia: dalla metafisica alla secolarizzazione di una poetica

Cinema

Vasco Brondi Le luci della città elettrica Vasco Brondi Le luci della città elettrica

Vasco Brondi e Le Luci di questo decennio indie

Extra

Tim Cook Tim Cook

Apple TV+, il colosso del tech alla conquista dell’audiovisivo

Serie Tv

Subsonica Subsonica

Subsonica, nuove attenzioni e un “Microchip Temporale”

Extra

Connect