fbpx
Connect with us

Sport

Emergenza Coronavirus: il punto sulla stagione sportiva

Dalla Serie A alle Olimpiadi, dalla Formula 1 al Giro d’Italia analizziamo come il mondo dello sport sta fronteggiando l’emergenza coronavirus.

Sport coronavirus

In questo periodo di enorme difficoltà per il popolo italiano – e adesso, possiamo dire, anche europeo – andiamo a concentraci sulla situazione degli eventi sportivi, da quelli momentaneamente sospesi a quelli previsti in estate che rischiano di saltare. 

Quale scenario per la Serie A?

Nella giornata di ieri si è tenuta una conferenza a distanza, nella quale la Lega ha scelto la data scadenza per la ripresa, il 9 maggio. Sarebbe questo il termine massimo individuato dalle 20 società di Serie A per la ripresa e il regolare svolgimento delle giornate mancanti. Quindi il finale del campionato di Serie A dovrebbe concludersi tra maggio e giugno. Per questo motivo si è parlato anche del prolungamento della scadenza dei contratti, dei prestiti, delle sponsorizzazioni e dei diritti tv. La proposta sarebbe di prolungare le scadenze a metà luglio. Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha annunciato che al momento non va esclusa l’ipotesi di un campionato bilanciato su due stagioni.

San Siro

Gli europei si spostano nel 2021. E la Champions?

Doveva essere un edizione storica poiché la prima organizzata in 12 paesi diversi; invece verra ricordata come l’Europeo posticipato a causa del Coronavirus. Martedì 17 marzo la UEFA ha deciso di posticipare di un anno l’evento. La gara iniziale si disputerà a Roma l’11 giugno 2021 e la finalissima a Wembley l’11 luglio 2021. Detto dell’Europeo, la UEFA adesso é a lavoro per decidere le date per le due competizioni continentali per club. L’obiettivo é quello di concludere le coppe europee entro la fine di giugno: la Champions ripartirebbe il 5 maggio con finale a Istanbul il 27 giugno mentre l’Europa League riprenderebbe il 30 aprile con la finale di Danzica il 24 giugno.

Il CIO agli atleti: “Continuate a prepararvi per i Giochi”

Il Giappone e il CIO continuano, sulla stessa onda, a credere che sia possibile organizzare regolarmente la 32esima edizione dei giochi Olimpici. Il più importante evento sportivo al mondo, che dovrebbe raccogliere oltre 11 mila atleti provenienti da 206 paesi, potrebbe realmente disputarsi dal 24 luglio al 9 agosto. Nonostante la situazione critica dovuta alla pandemia di Covid-19, il comitato olimpico internazionale e il governo giapponese restano ottimisti sulla disputa dell’evento a cinque cerchi. Oggi, dopo la prima riunione, il CIO si è detto ottimista: “Tutto sta andando per l’apertura del 24 luglio, mancano ancora quattro mesi” ha detto John Coates, presidente del comitato olimpico australiano. Nel frattempo è stato sospeso il torneo Preolimpico di Boxe, che si stava disputando a Londra nonostante la situazione di emergenza.

Olimpiadi Tokyo 2020

MotoGP e Formula 1, quando si inizia?

La situazione di incertezza ha colpito naturalmente anche gli altri eventi sportivi. La Formula 1 dopo la cancellazione all’ultimo minuto del Gran Premio d’Australia, ha deciso di posticipare a data da destinarsi anche i gran primi di Bahrain, Cina e Vietnam. Al momento il primo gran premio della stagione dovrebbe essere quello dei Paesi Bassi, in programma il 3 maggio sulla storico Circuito di Zandvoort. 

Stessa sorte per la MotoGP che, al momento, dovrebbe prendere il via il 3 maggio con il GP di Jerez, in Spagna. La FIM (Federazione Internazionale Motociclistica) si è detta pronta a correre fino a gennaio 2021 per concludere la stagione. 

Rinviato il Roland Garros. Cosa succederà ora?

È notizia delle ultime ore il rinvio del Roland Garros, secondo grande slam di tennis della stagione. Il torneo parigino si disputerà dal 20 settembre al 4 ottobre 2020, addirittura dopo gli Us Open. Una decisione che porterà a ridisegnare tutto il programma della stagione 2020, che aveva gia visto il rinvio dei Master 1000 di Indian Wells, Miami e Montecarlo (che difficilmente verranno ricollocati nel fitto calendario). La stagione tennistica in questo momento è ferma e dovrebbe riprendere il via il 27 aprile con i tornei 250 di Estoril e Monaco di Baviera. La situazione verrà monitorata giorno dopo giorno e non è da escludere il rinvio anche degli Internazionali d’Italia a Roma (10-17 maggio).

Roland Garros

Il coronavirus colpisce anche le classiche di primavera di ciclismo

Anche il ciclismo ha subito l’ondata del coronovirus che ha portato alla cancellazione delle storiche classiche che si disputavano tra il mese di marzo e aprile. I primi eventi a saltare sono state le Strade Bianche, la Tirreno Adriatico e la Milano-Sanremo (vinta da Vincenzo Nibali esattamente 2 anni fa). Anche il Giro delle Fiandre, una delle cinque corse Monumento, non verrà disputato per la prima volta dal 1918, ultimo anno della Grande Guerra (nemmeno la Seconda Guerra Mondiale c’era riuscita). Il prossimo appuntamento in programma è la Parigi-Roubaix, che si dovrebbe disputare domenica 12 aprile ma resta in forte dubbio. Posticipato anche il Giro D’Italia, prima grande corsa stagionale, che non inizierà il 9 maggio da Budapest come previsto ma potrebbe prendere il via direttamente dalla Sicilia. Gli organizzatori hanno deciso di prendere tempo per cui la decisone verrà presa non prima del 3 aprile. 

Basket, calendari verso una rivoluzione

Concludiamo analizzando la situazione del basket. La NBA non riprenderà dopo i 30 giorni che erano stati previsti in un primo momento. Secondo l’emettente americana ESPN il campionato potrebbe riprendere a metà giugno con i playoff, in modo tale da disputare le Finals ad agosto, chiudendo la stagione a fine mese con i Draft. Situazione complicata per i tornei Preolimpici di basket, che vedranno impegnata anche la nostra nazionale, che si dovrebbero disputare dal 23 al 28 giugno. Molto probabilmente servirà sfoltire il calendario dei campionati nazionali e delle coppe europee in modo tale da terminare per tempo.

Lascia il tuo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Articoli correlati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Leggi anche...

Jean Seberg e Jean Paul Belmondo Jean Seberg e Jean Paul Belmondo

Fino all’ultimo respiro: la rivoluzione nel cinema di Godard

Cinema

La dolce vita La dolce vita

Fellini, Sorrentino e la geografia del mal di vivere

Cinema

Vittorio Gassman e Stefania Sandrelli Vittorio Gassman e Stefania Sandrelli

C’eravamo tanto amati, tra ricordi e rimpianti

Cinema

Totò e Peppino De Filippo Totò e Peppino De Filippo

Totò, Peppino e… i ricordi di una vecchia ossessione

Cinema

Connect