fbpx
I nostri social
Christian De Sica

Anniversari

Auguri Christian De Sica, settant’anni da mattatore

Compie gli anni oggi un attore italiano che ha rappresentato e rappresenta l’essenza di tutto quello che c’è in noi, nel bene e nel male.

Tempo di lettura: 2 minuti

Ingeneroso legare il suo nome e la sua carriera ad una certa tipologia di film – che comunque, visti gli ultimi esempi usciti, è soltanto lui a tenere in piedi – che fanno storcere il naso ai più ma che inevitabilmente rendono più umano il cinema italiano, quello nel quale il neosettantenne Christian De Sica fa ancora la sua bella figura.

Mattatore in teatro, attore brillante, cantante di indubbia abilità, il figlio del grande Vittorio – che mai è stato figlio di papà e mai ha voluto esserlo – ha al suo attivo una carriera di altissimo livello. Ai film che hanno fatto la storia della commedia italiana si affiancano grandi interpretazioni in produzioni realizzate da grandi registi. Christian ha infatti lavorato con artisti del calibro di Pupi Avati, Tonino Cervi, Florian Henckel von Donnersmarck, senza dimenticare Luca Miniero, Fausto Brizzi, Sergio Corbucci e i “classici” fratelli Vanzina e Neri Parenti e le collaborazioni con il cognato ed ex compagno di scuola Carlo Verdone e ancora le apparizioni nel film di papà Vittorio “Una breve vacanza” (1973) e nella serie Tv di Roberto Rossellini “Blaise Pascal”.

Christian De Sica

Perché De Sica è ancora il numero uno

Perché all’interno di film senza dubbio di facile consumo ha messo in scena i tanti vizi e le altrettante virtù degli italiani. Ed ecco Marcello, l’attore spiantato al fianco di Carlo Verdone in “Borotalco”, Felicino Carraro in “Sapore di Mare”, l’indimenticabile Roberto Covelli nel primo e storico “Vacanze di Natale”, l’altrettanto immortale Don Buro di “Vacanze in America”, e ancora “Spina, Alberto Spina” nella saga dei Pompieri, Antonio Borazzi da Cantalupo in Sabina, star in “Grandi Magazzini”, il cantante Ciardulli autore di “Collant Collant”, vincitore del Samurai d’Argento e vittima dello schiaffo di Anagni in “Compagni di Scuola” e Cesare Proietti, alias Cristiano Gardini, nel cult “Fratelli d’Italia”, senza dimenticare i beceri avvocati Trivellone e simili che hanno reso godibili film senza dubbio dimenticabili.

In ogni personaggio c’è un pizzico di noi, delle nostre contraddizioni e del nostro essere tipicamente italiani. E questo è Christian De Sica, splendido settantenne. Un attore italiano – che ha dimostrato, a teatro ma non solo – di saper essere di un livello elevato, e di possedere classe ed eleganza – che ha rappresentato e reso omaggio all’essenza di tutto quello che c’è in noi, nel bene e nel male. Perché, piaccia o non piaccia, i cinepanettoni e le commedie “facili” raccontano quello che siamo, e che, per fortuna o purtroppo, saremo per sempre.

Auguri Christian (da uno dei tuoi fan più accaniti!).

Leggi anche: Rassegna semiseria sul cinema Italiano Medio – Parte 1

Iscriviti al nostro canale Telegram per ricevere in anteprima tutti gli articoli di Ultima Razzia!

Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Sostieni Ultima Razzia

Donazioni sidebar

Informazioni Personali

Totale Donazione: €100,00

Seguici su Facebook

Iscriviti al nostro canale Telegram

Telegram

Seguici su Instagram

Loading...

Iscriviti ad Amazon Prime Video

Leggi anche...

Il monello Il monello

Il centenario de Il monello di Charlie Chaplin

Anniversari

Bong Joon-ho Bong Joon-ho

Bong Joon-ho è il Presidente di giuria di Venezia 78

Cinema

Lupin Lupin

Omar Sy è Lupin, promossa la serie sul ladro gentiluomo

Netflix

One Night in Miami One Night in Miami

One Night in Miami e l’attuale richiamo al black power

Amazon Prime Video

Connect